Stemma e logo di Comune di Marliana (PT)
Comune di Marliana (PT) - Sito Ufficiale | Via della Chiesa, 5 Marliana (PT) - tel. 0572.69851
Home Page home page
Contattaci contattaci
Eventi della vita eventi della vita
Aree Tematiche aree tematiche
Elenco A-Z elenco A-Z
Rubrica del Comune rubrica del Comune
Ricerca allegati ricerca allegati Stampa Stampa contenuto

Sei in:  home » In primo piano » Elezioni europee del 26 maggio 2019

Trasparenza Amministrativa

Vivere il territorio

Elezioni europee del 26 maggio 2019

APERTURE STRAORDINARIE DELL'UFFICIO ELETTORALE

Al fine di assicurare il rapido rilascio dei certificati di iscrizione nelle liste elettorali in occasione della presentazione delle candidature per le Elezioni europee, sono previste le seguenti aperture straordinarie dell'ufficio elettorale sito in Via della Chiesa n. 5 (piano terra):

  • sabato 13 aprile dalle 9 alle 12
  • domenica 14 aprile dalle 9 alle 12
  • lunedì 15 aprile dalle 8 alle 17
  • martedì dalle 8 alle 20
  • mercoledì dalle 8 alle 20

MODALITA' DI ESERCIZIO DEL DIRITTO DI VOTO PER I CITTADINI COMUNITARI

In occasione delle prossime elezioni europee (23-26 maggio 2019), i cittadini dell’Unione europea, qui residenti, possono, se vogliono, esercitare in questo comune il diritto di voto per i membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia, presentando apposita domanda.

Tale domanda, il cui modello da compilare è disponibile sul sito
https://dait.interno.gov.it/elezioni/optanti-2019 o presso l'Ufficio elettorale, dovrà essere presentata personalmente o spedita mediante raccomandata entro il 25 febbraio 2019 al seguente indirizzo:

UFFICIO ELETTORALE DEL COMUNE DI MARLIANA
VIA CHIESA N. 5 - 51010 MARLIANA (PT)

L'esito positivo della richiesta comporterà l'iscrizione in un'apposita lista aggiunta; conseguentemente, verrà consegnata una tessera elettorale personale, che consentirà di votare presso il seggio indicato nella tessera stessa.

Con l'iscrizione nella suddetta lista aggiunta, il cittadino/a potrà esercitare il voto esclusivamente per i membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia e non anche per i membri del Parlamento Europeo spettanti al Suo Paese di origine: vi è, infatti, il divieto del doppio voto.

MODALITA' DI ESERCIZIO DEL DIRITTO DI VOTO DEGLI ELETTORI ITALIANI TEMPORANEAMENTE ALL'ESTERO

Si riporta l'informativa pubblicata dal Ministero degli Affari Esteri riguardante l’Elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia, in particolare per gli Elettori che si trovano temporaneamente in un Paese membro dell’Unione Europea per motivi di lavoro o di studio.

In occasione delle elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo, che si svolgeranno in tutti i Paesi membri dell’Unione Europea nel periodo compreso tra giovedì 23 e domenica 26 maggio 2019, gli elettori italiani che si trovino temporaneamente in un Paese membro dell’Unione Europea per motivi di lavoro o di studio, nonché i familiari conviventi, possono votare per i rappresentanti italiani presso i seggi istituiti dagli Uffici consolari.

Per essere ammessi al voto è necessario presentare entro il 7 marzo 2019 una domanda - indirizzata al Sindaco del Comune di iscrizione nelle liste elettorali e da presentare al Consolato italiano competente che poi ne curerà l’inoltro - che deve preferibilmente essere redatta utilizzando il modello sotto riportato.

In ogni caso la richiesta dovrà riportare l’indicazione specifica dei motivi per i quali il connazionale si trova nel territorio della circoscrizione consolare e dovrà essere corredata dall’attestazione del datore di lavoro/dell’istituto od ente presso il quale il connazionale svolge la sua attività di studio, oppure da dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà redatta ai sensi dell’art. 47 del D.P.R. 445/2000, che contenga l’indicazione dell’attività di lavoro o studio svolta dal connazionale, ovvero la sua qualità di familiare convivente.

Le domande possono essere presentate all’Ufficio consolare di competenza (si consiglia la consultazione del sito istituzionale):

  1. per posta elettronica (allegando file scansionato della domanda firmata + certificazione o dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà + fotocopia di un documento di identità del richiedente);
  2. per posta all’indirizzo dell’Ufficio Consolare di competenza (inviando domanda + certificazione o dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà + fotocopia di un documento di identità del richiedente);
  3. personalmente presso l’Ufficio Consolare di competenza.

Si ricorda che il termine del 7 marzo 2019 è tassativo e non derogabile: oltre tale data le domande non potranno essere accolte e gli elettori temporaneamente all’estero per motivi di lavoro o studio potranno esercitare il loro diritto di voto solo in Italia (art. 3 comma 6 DL 408/1994), oppure nel Paese di abituale residenza UE se iscritti all’AIRE.

MODALITA' DI ESERCIZIO DEL DIRITTO DI VOTO DI CITTADINI RESIDENTI ALL'ESTERO ED ISCRITTI AIRE IN PAESI APPARTENENTI ALL'UNIONE EUROPEA

In occasione delle elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo i cittadini italiani residenti nei Paesi UE possono scegliere di votare per i rappresentanti del Paese dove risiedono oppure, in alternativa, per i rappresentanti italiani. 

I cittadini italiani che  sono permanentemente residenti in un Paese UE e iscritti all’AIRE possono, quindi:

  1. optare per il voto a favore dei candidati locali;
  2. votare nel paese europeo di residenza  per i candidati italiani senza necessità di presentare alcuna dichiarazione: in questo caso, si  vota  per i rappresentanti italiani presso le sezioni elettorali istituite dalle Ambasciate e dai Consolati. L'elettore  riceverà a casa dal Ministero dell'Interno italiano il certificato elettorale con l’indicazione della sezione presso la quale votare, della data e dell’orario delle votazioni. In caso di mancata ricezione potrà contattare l’Ufficio consolare competente per verificare la propria posizione ed eventualmente richiedere il certificato sostitutivo.
  3. optare per il voto in Italia, nel seggio di iscrizione elettorale presentando richiesta, entro il giorno precedente le elezioni in Italia, al Sindaco del Comune italiano nelle cui liste elettorali sono iscritti: in tale caso dovranno dimostrare di non avere già votato, esibendo il certificato elettorale inviato dal Consolato ancora integro.

CITTADINI ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO ED ISCRITTI AIRE IN PAESE NON APPARTENENTE ALL'UNIONE EUROPEA 

I cittadini italiani residenti nei Paesi non membri dell’Unione Europea possono votare per i rappresentanti italiani al Parlamento Europeo solo presso il Comune di iscrizione elettorale in Italia: non è previsto il voto all'estero. A tal fine, entro il ventesimo giorno successivo a quello della pubblicazione del decreto di convocazione dei comizi elettorali, riceveranno dal Ministero dell’Interno apposita cartolina avviso.

Attenzione!
 
È penalmente sanzionato il doppio voto:
  • chi vota per i candidati al Parlamento Europeo per il Paese di residenza non potrà votare anche per quelli italiani, e viceversa;
  • chi vota per i candidati italiani presso le sezioni elettorali istituite all’estero dagli Uffici diplomatico-consolari non potrà farlo anche presso le sezioni elettorali in Italia, e viceversa.
Nessuno può votare più di una volta nel corso delle stesse elezioni: gli elettori in possesso di più cittadinanze di Paesi membri dell’Unione Europea possono esercitare il loro diritto di voto per i candidati di uno solo degli Stati di cui sono cittadini.
VOTO A DOMICILIO

Il voto domiciliare è previsto esclusivamente  a favore  degli elettori indipendenza vitale e continuativa da apparecchiature elettromedicali e/o degli elettori che sono affetti da gravissime infermità, per cui l'allontanamento dall'abitazione in cui dimorano risulta impossibile.

La domanda deve essere  presentata al comune entro il 6 maggio: le  domande presentate successivamente saranno accolte compatibilmente con le esigenze organizzative.


DOCUMENTAZIONE NECESSARIA  (art.1, co. 3, D.L. 1/2006):

  • dichiarazione in carta libera, attestante la volontà dell'elettore di esprimere il voto presso l'abitazione in cui dimorano e recante l'indicazione dell'indirizzo completo di questa;
  • certificato,  che attesti l'esistenza delle condizioni di infermità di cui all'art. 1,comma 1, della legge 46/2009  rilasciato esclusivamente dai medici incaricati  dalla ASL: è possibile concordare una visita a domicilio contattando il seguente recapito: 0573/353636 (da lunedì al venerdì, ore 9.00-12.00).

Ove sulla tessera elettorale dell'elettore non sia già inserita l'annotazione del diritto al voto assistito, il certificato di cui all'art. 1,co. 3 lett. B) L. 46/2009 attesta l'eventuale necessità di un accompagnatore per l'esercizio del voto: all'annotazione sulla tessere è apposta dall'ufficio elettorale.

Voto assistito 

Gli elettori fisicamente impediti ad esprimere da soli il proprio voto hanno diritto di essere accompagnati all'interno della cabina elettorale da un accompagnatore di fiducia scelto fra gli elettori di un qualsiasi comune della Repubblica perché li assista nella espressione del voto. 

In caso di impedimento temporaneo, l'elettore può richiedere la certificazione necessaria da esibire al seggio facendosi visitare da uno dei medici specificamente incaricati dalla A.S.L. nei giorni immediatamente precedenti l'elezione. 

Nel caso di impedimento permanente, l'elettore può richiedere all'Ufficio Elettorale del Comune di apporre sulla propria tessera elettorale l'annotazione permanente di avente diritto al voto assistito che consiste nell''apposizione di un timbro con la dicitura AVD. Tale annotazione, avendo carattere permanente, evita all'elettore di doversi munire della apposita certificazione medica in occasione di ogni consultazione.

Come fare: gli interessati possono richiedere l'apposizione del timbro AVD all'Ufficio elettorale  presentando la seguente documentazione:

  • Modulo di richiesta, debitamente compilata e firmata, 
  • Documento di identità,
  • Tessera elettorale personale rilasciata dal Comune
  • Certificato medico rilasciato dall'incaricato ASL attestante l'impossibilità ad esprime personalmente il diritto di voto. 

Per gli elettori non vedenti che vogliono essere ammessi al voto assistito è sufficiente l'esibizione del libretto nominativo rilasciato dall'Istituto nazionale della previdenza sociale (in precedenza, dal Ministero dell'Interno, Direzione Generale dei Servizi Civili) a norma dell'art.3 della legge 18 dicembre 1973, n. 854, se, all'interno del libretto , sia indicata la categoria "ciechi civili" e sia  riportato uno dei seguenti codici: 10; 11; 15; 18; 19; 05; 06; 07 che attestano la cecità assoluta del titolare.

Nessun elettore può svolgere la funzione di accompagnatore per più di un elettore.

LINK UTILI 

Parlamento Europeo - Pagina dedicata alle elezioni europee

Ministero dell'Interno - Circolari elettorali 

CANDIDATURE per l’elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia. 

PUBBLICAZIONE N. 2  Istruzioni per la presentazione e l’ammissione delle candidature

UFFICIO ELETTORALE

  • Indirizzo: Via Chiesa n. 5
  • Orario di apertura al pubblico: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 13.30 alle 14.30
  • Telefono: 0572 698525
  • Fax: 0572 66233
  • E-Mail: sabrina.malerbi@comune.marliana.pt.it
Pagina aggiornata il 13/04/2019 da S M
  • Comune di Marliana (PT)
  • Via della Chiesa, 5 Marliana (PT)
  • Telefono: 0572.69851
  • Fax: 0572.66233
  • Numero di abitanti: 3.201
  • P.IVA: 00361970478

Portale Web e Content Management System realizzati da SPAD srl | Openpage CMS