Stemma e logo di Comune di Marliana (PT)
Comune di Marliana (PT) - Sito Ufficiale | Via della Chiesa, 5 Marliana (PT) - tel. 0572.69851
Home Page home page
Contattaci contattaci
Eventi della vita eventi della vita
Aree Tematiche aree tematiche
Elenco A-Z elenco A-Z
Rubrica del Comune rubrica del Comune
Ricerca allegati ricerca allegati Stampa Stampa contenuto

Sei in:  home » Coronavirus COVID-19 » COVID-19- Coronavirus: informazioni ed aggiornamenti

Trasparenza Amministrativa

Vivere il territorio

COVID-19- Coronavirus: informazioni ed aggiornamenti

Il Comune di Marliana ha creato questa sezione per fornire notizie e aggiornamenti inerenti le misure di contenimento del COVID-19. Ricordiamo che lo stato di emergenza è prorogato fino al 31 gennaio 2021.

Che cos'è il nuovo coronavirus

La sindrome respiratoria acuta grave Coronavirus-2 (SARS-CoV-2) è il nome dato al nuovo coronavirus del 2019. COVID-19 è il nome dato alla malattia associata al virus.

SARS-CoV-2 è un nuovo ceppo di coronavirus che non è stato precedentemente identificato nell'uomo.

Cosa fare in caso di sintomi o dubbi

 Se hai raffreddore febbre o altri sintomi influenzali stai a casa e chiama il tuo medico o pediatra di famiglia disponibili al telefono dalle ore 8.00 alle ore 20.00 di tutti i giorni.

Per informazioni puoi chiamare il numero telefonico di pubblica utilità 1500 attivo 24 ore su 24 istituito dal Ministero della Sanità per informazioni

Per informazioni, orientamento e indicazioni sui percorsi e le iniziative individuate dalla Regione sul Covid-19, puoi chiamare il numero regionale 055.4385850, attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle ore 13, al quale rispondono operatori del Centro di Ascolto Regionale adeguatamente formati.

Il numero verde 800 556060 è invece disponibile per info specifiche relativamente ai tamponi. 

Assistenza psicologica ai cittadini

IN TOSCANA: Dal 31 marzo è attivo in Toscana anche il servizio di supporto psicologico alla popolazione della Protezione civile regionale, del Sistema sanitario toscano e delle associazioni di volontariato. 
Ecco i numeri da chiamare (tutti i giorni, dalle ore 9 alle ore 19): 

- da telefono fisso: 800 909685
- da cellulare: 055 4382530

Per dettagli consulta la pagina Covid19: assistenza psicologica ai cittadini sul sito della Regione Toscana.

A LIVELLO NAZIONALE: Dal 27 aprile il Ministero della Salute e la Protezione civile hanno attivato il numero verde di supporto psicologico 800.833.833, che funziona tutti i giorni dalle ore 8 alle 24: risponderanno alle richieste di aiuto professionisti specializzati, psicologi, psicoterapeuti e psicoanalisti. Il primo livello è di ascolto telefonico e si propone di rispondere al disagio derivante dal Covid-19. L'obiettivo è fornire rassicurazioni e suggerimenti, aiutare ad attenuare l’ansia davanti ad una quotidianità travolta dall’arrivo dell’epidemia e si risolve in un unico colloquio. Per rispondere all’esigenza di fornire un ascolto più approfondito e prolungato nel tempo, le chiamate saranno indirizzate verso il secondo livello di cui fanno parte, oltre ai servizi sanitari e sociosanitari del SSN, molte società scientifiche in ambito psicologico.

INFORMAZIONI GENERALI-SITI E PAGINE WEB DI RIFERIMENTO

 MINISTERO DELLA SALUTE:

http://www.salute.gov.it/nuovocoronavirus

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA':

https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/

ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA' OMS:

https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019

TUTTE LE ORDINANZE DELLA REGIONE TOSCANA SI TROVANO AL SEGUENTE LINK:

https://www.regione.toscana.it/-/ordinanze-della-regione-toscana  

Prenotazione tamponi e consultazione dei referti

Per prenotare occorre sempre la ricetta del medico. 

Come fare (da domenica 18 ottobre):

  1. aprire il sito https://prenotatampone.sanita.toscana.it/ dal proprio computer di casa, ma anche da smartphone o tablet;
  2. inserire il codice fiscale, il numero di cellulare e il numero di ricetta elettronica;
  3. scegliere il presidio o il distretto preferito, selezionare la data e l’ora in cui si vorrebbe effettuare il prelievo;
  4. attendere la ricezione di un sms di conferma con possibilità di stamparsi il promemoria.

Solo nel caso in cui il cittadino sia sprovvisto di dotazione informatica, munito di NRE potrà chiamare il numero 800 55 60 60 per procedere alla prenotazione telefonica con il supporto tecnico.

Il referto del test molecolare potrà essere ritirato in modalità digitale, anche da casa, accedendo al Fascicolo sanitario elettronico con la tessera sanitaria, con spid o con carta identità elettronica, ma anche dal portale dedicato https://referticovid.sanita.toscana.it

Per la consultazione del referto è possibile:

Anche per la consultazione dei referti relativi ai test sierologici e tamponi sul portale regionale, è necessaria la tessera sanitaria elettronica al fine di poter digitare le ultime cinque cifre de del numero di identificazione della tessera della stessa. 

In caso di mancato referto dopo 48h è possibile chiamare il numero 800 00 44 77 per ricevere supporto.

DECRETO LEGGE 7 OTTOBRE 2020

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto-legge 7 ottobre che introduce misure urgenti connesse con la proroga della dichiarazione dello stato di emergenza epidemiologica da Covid-19 (delibera del 7 ottobre 2020) e per la continuità operativa del sistema di allerta Covid.

Prorogato al 31 gennaio 2021 lo stato di emergenza e le disposizioni già in vigore che prevedono la possibilità per il Governo di adottare misure volte a contenere e contrastare i rischi sanitari derivanti dalla diffusione del virus SARS-CoV-2.

È stato introdotto l'obbligo, a partire dall'8 ottobre 2020di avere sempre con sé dispositivi di protezione delle vie respiratorie. Le mascherine dovranno essere indossate non solo nei luoghi chiusi accessibili al pubblico, ma più in generale nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private e anche in tutti i luoghi all'aperto. Si fa eccezione a tali obblighi, sia in luogo chiuso che all'aperto, nei casi in cui, per le caratteristiche del luogo o per le circostanze di fatto, sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi.

Sono previste delle eccezioni per:

  • i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva;
  • i bambini di età inferiore ai sei anni;
  • i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l'uso della mascherina (e coloro che vi devono interagire).

Continuano ad applicarsi le misure  previste  nel  decreto  del Presidente  del  Consiglio dei Ministri del 7 settembre 2020Previste sanzioni per i trasgressori.

ORDINANZA MINISTRO DELLA SALUTE 07.10.2020

Il Ministro della Salute ha firmato una nuova Ordinanza che dispone l'obbligo di test molecolare o antigenico per chi proviene o ha transitato, nei 14 giorni precedenti l’ingresso in Italia, in alcuni Paesi europei a maggior rischio per Covid-19 (Belgio, Francia, Paesi Bassi, Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, Repubblica Ceca e Spagna) e l'obbligo di comunicare l’ingresso in Italia al Dipartimento di prevenzione della Asl; la proroga al 15 ottobre delle Ordinanze del 21 settembre e del 25 settembre 2020.

Sintesi delle disposizioni contenute nell'ordinanza sul sito del Ministero della Salute

Circolare del Ministero della Salute del 12 ottobre 2020 

La circolare aggiorna le indicazioni riguardo la durata e il termine dell’isolamento e della quarantena e raccomanda l'utilizzo dell'APP Immuni per supportare le autorità sanitarie nelle attività di tracciamento dei contatti.

Testo integrale della circolare (sito Ministero salute)

La circolare chiarisce che:

  • l’isolamento dei casi di documentata infezione da SARS-CoV-2 si riferisce alla separazione delle persone infette dal resto della comunità per la durata del periodo di contagiosità, in ambiente e condizioni tali da prevenire la trasmissione dell’infezione.
  • La quarantenainvece, si riferisce alla restrizione dei movimenti di persone sane per la durata del periodo di incubazione, ma che potrebbero essere state esposte ad un agente infettivo o ad una malattia contagiosa, con l’obiettivo di monitorare l’eventuale comparsa di sintomi e identificare tempestivamente nuovi casi.

Ordinanza R.T. n. 91 del 12 ottobre 2020

La Regione Toscana ha pubblicato l'ordinanza n. 91/2020 per approvare gli indirizzi operativi per la gestione dei soggetti (bambini e operatori) con sintomi sospetti di COVID-19 e per la loro riammissione a scuola o ai servizi educativi. Tutte le specifiche sono contenute nell'allegato A dell'ordinanza.

Testo dell'ordinanza 91 del 12 ottobre 2020 (sito Regione Toscana)
Allegato A dell'ordinanza 91/2020 (sito Regione Toscana)

Dpcm 13 ottobre 2020

Il Presidente Conte ha firmato iDpcm 13 ottobre 2020 sulle nuove misure di contenimento del contagio. Le nuove prescrizioni troveranno applicazione dal 14 ottobre al 13 novembre 2020.

Riportiamo i punti più importanti:

Il decreto conferma l’obbligo dell’uso di mascherine sia al chiuso che all’aperto e raccomanda il loro uso anche in casa se in presenza di persone non conviventi, dispone lo stop agli sport da contatto svolti a livello amatoriale. Consentite le attività dei servizi di ristorazione tra cui pub, ristoranti, pasticcerie, gelaterie, fino alla mezzanotte se con servizio al tavolo,  mentre è consentita solo fino alle 21 senza servizio al tavolo. Consentite anche la ristorazione a domicilio e quella da asporto, con divieto di consumazione sul posto, o nelle adiacenze dei locali, di cibi e bevande dopo le ore 21. Fissato a 30 il limite del numero delle persone che potranno partecipare a cerimonie civili e religiose, come matrimoni e battesimi.

Ordinanze della Regione Toscana n. 92 e n. 93:

L'ordinanza n. 92 revoca l’ordinanza 91 ed è relativa alle disposizioni in tema di gestione dei casi e dei contatti stretti in ambito scolastico aggiornate con le nuove disposizioni nazionali. La nuova ordinanza è valida dal 16 ottobre per tutta la durata del periodo di emergenza. 

Ordinanza 92 del 15 ottobre 2020
Allegato A - Indicazioni operative

L'ordinanza n. 93 è dedicata alle linee di indirizzo per la gestione delle strutture residenziali socio-sanitarie (esempio le residenze sanitarie per anziani  RSA e per disabili RSD). Saranno valide da lunedì 19 ottobre fino a tutto il periodo di emergenza epidemiologica da Covid 19, prorogato dal Governo al 31 gennaio 2021:

  • non sarà consentito l’accesso ai familiari degli ospiti delle residenze, salvo situazioni particolari la cui valutazione è rimessa alle direzioni delle strutture;
  • saranno sospesi anche i rientri in famiglia fino al termine dello stato di emergenza sanitaria;
  • la comunicazione tra ospiti e familiari avverrà tramite videochiamata o messagistica con gli operatori o tramite telefono con gli ospiti;

Le nuove disposizioni riguardano anche:

  • i nuovi ingressi dal domicilio e dall’ospedale come i rientri in rsa da ospedalizzazioni temporanee e pre-isolamento
  • la campagna vaccinale e screening Covid (tamponi rapidi, test sierologici, tamponi molecolari per personale e ospiti, quando e da chi devono essere somministrati);
  • la cartella elettronica dell’utente;
  • il ruolo dei medici di famiglia e degli usca nei confronti dei pazienti Covid e il ruolo dei team specialistici multiprofessionali a livello zonale-ospedaliero.

Ordinanza 93 del 15 ottobre 2020

Allegato A - Linee di indirizzo regionali

Ordinanza regionale n. 94

 L'ordinanza, in vigore dal 17 ottobre, contiene le linee di indirizzo e le misure operative da adottare in tutte le Asl della Regione Toscana. Tra le indicazioni relative alla gestione dei posti letto, ai percorsi di accesso all’ospedale e ai pronto soccorso, sono presenti anche le indicazioni di massima per la gestione delle visite ai pazienti e degli accompagnatori: 

  • separazione dei percorsi per l’accesso alle aree COVID e ai servizi dedicati e nei Pronto Soccorso:
  • accesso frazionato per le prestazioni ambulatoriali garantendo anche un utilizzo delle sale di attesa che consenta il mantenimento di distanze di sicurezza;
  • interruzione dell’accesso alle strutture ospedaliere per tutti i visitatori, accompagnatori, pazienti ambulatoriali ed operatori sanitari che presentano sintomi simil-influenzali quali: rinite, tosse, rialzo febbrile, difficoltà respiratoria:
  • limitazione dell’accesso degli accompagnatori e dei visitatori, sia per i pazienti ricoverati, che per gli utenti ambulatoriali e del Pronto Soccorso, anche adottando misure per scaglionare gli accessi alle strutture, evitando gli affollamenti. E' consentito l' accesso in numero non superiore ad un visitatore o accompagnatore per ciascun paziente. Le visite a pazienti ricoverati devono essere frazionate nel tempo, di durata contenuta non superiore a dieci minuti di presenza e, preferibilmente, a giorni alterni. 

Ordinanza 94 del 16 ottobre 2020 

DPCM 18 ottobre 2020

Il nuovo decreto  modifica ed integra il decreto del 13 ottobre. Interviene sui 22 allegati solo parzialmente sostituendo un singolo allegato e lasciando inalterati tutti gli altri che non vengono ripubblicati: l'allegato A del nuovo DPCM  sostituisce l'allegato 8 in tema di socialità per infanzia e adolescenti.  

Ordinanze R.T. n. 95 e n. 96: 

L’ordinanza 96 riguarda la sanità toscana, l’organizzazione ed il coordinamento delle aziende sanitarie e contiene anche la disposizione di limitare le visite ai pazienti no-Covid ai soli casi  di pazienti particolarmente fragili e per tempi molto contenuti.

Ordinanza 96 del 24 ottobre 2020 - Ulteriori misure in materia di contenimento e gestione dell'emergenza da COVID
Allegato A - Indicazioni operative per contact tracing
Allegato B - Distribuzione test antigenici POC (Point Of Care)
Allegato C - Piano di emergenza ospedaliera per ripresa epidemia Covid

L’ordinanza 95 interviene ad abrogare in tutto o in parte alcune delle precedenti ordinanze regionali per adeguare la normativa della Regione Toscana ai nuovi DPCM del 13 e 18 ottobre 2020 /e conferma la vigenza di altre).

L’ordinanza 95 dispone, in tema di sport, che dal 24 ottobre, fino al 14 novembre, sono sospese tutte le attività di gare e competizioni riconosciute di interesse regionale, provinciale o locale dal Coni, dal Cip e dalle rispettive federazioni sportive nazionali, relativamente a tutti gli sport di contatto. Restano consentiti gli allenamenti. 

L’ordinanza approva anche le linee guida regionali relative alle misure di prevenzione e riduzione del rischio di contagio da adottare in materia di formazione professionale, formazione in materia di sicurezza e salute sul lavoro e attività corsistica (allegato 1).

Ordinanza 95 del 23 ottobre 2020
 
Allegato 1 - Linee guida

DPCM 24 ottobre 2020Sintesi delle misure introdotte 

Attività di ristorazione:

 Le attività dei servizi di ristorazione (bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle 5 alle 18. Il consumo al tavolo è consentito per un massimo di quattro persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi.

Resta invece sempre consentita, senza limiti di orario, la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive, limitatamente ai propri clienti.

Resta consentita la ristorazione con consegna a domicilio, nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto. Dopo le ore 18 è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico.

Restano aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, negli ospedali e negli aeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro.

Sono consentite le attività delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, nel rispetto delle norme igienico-sanitarie.

Ingressi contingentati nei locali pubblici e aperti al pubblico

 È obbligatorio, per tutti i locali pubblici e aperti al pubblico ed in tutti gli esercizi commerciali di esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale medesimo, sulla base dei protocolli e delle linee guida vigenti.

Scuola e servizi educativi

 L'attività didattica ed educativa per il primo ciclo di istruzione - materna, elementari e medie - e per i servizi educativi per l'infanzia (0-6 anni) continuerà a svolgersi in presenza. Le scuole superiori adotteranno una didattica a distanza (DAD) pari al 75% delle attività e dunque un 25% in presenza su tutto il territorio nazionale, uniformando le ordinanze regionali.

Palestre, piscine, centri benessere ....

 Sono sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, fatta eccezione per l'erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza, nonché centri culturali, centri sociali e centri ricreativi;

L'attività sportiva di base e l'attività motoria in genere svolte all'aperto presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sono consentite nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, in conformità con le linee guida emanate dall'Ufficio per lo sport, sentita la Federazione medico sportiva italiana.

Sport

 Sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive degli sport individuali e di squadra, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato. Restano consentiti soltanto gli eventi e le competizioni sportive riconosciuti di interesse nazionale (impianti sportivi utilizzati a porte chiuse ovvero all'aperto senza la presenza di pubblico).

Le sessioni di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, degli sport individuali e di squadra partecipanti alle competizioni sono consentite a porte chiuse.

Fatto salvo quanto previsto in ordine agli eventi e alle competizioni sportive di interesse nazionale, lo svolgimento degli sport di contatto è sospeso; sono altresì sospese l'attività spartiva dilettantistica di base, le scuole e l'attività formativa di avviamento relative agli sport di contatto nonché tutte le gare, le competizioni e le attività connesse agli sport di contatto, anche se aventi carattere ludico-amatoriale.

Cinema, teatri, discoteche, sale da ballo, sale giochi 

 Sono sospesi gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all'aperto. Restano comunque sospese le attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all'aperto o al chiuso.

Sono sospese le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo e casinò.

Fiere e congressi, sagre

 Sono vietate le sagre, le fiere e gli altri analoghi eventi. Restano consentite le manifestazioni fieristiche di carattere nazionale e internazionale (rispetto linee guida).

Sono sospesi i convegni, i congressi e gli altri eventi, ad eccezione di quelli che si svolgono con modalità a distanza

Stop a parchi divertimenti

 Sono sospese le attività dei parchi tematici e di divertimento. È consentito l’accesso di bambini e ragazzi a luoghi destinati allo svolgimento di attività ludiche, ricreative ed educative, anche non formali, al chiuso o all’aria aperta, con l’ausilio di operatori cui affidarli in custodia e con obbligo di adottare appositi protocolli di sicurezza predisposti in conformità alle linee guida del Dipartimento per le politiche della famiglia.

Raccomandazioni del governo a tutti i cittadini:

Mascherina in casa tra non conviventi  

 Si raccomanda l’uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie anche all’interno delle abitazioni private in presenza di persone non conviventi. “È fatto obbligo di mantenere una distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro”.

È raccomandato anche di “non ricevere in casa persone diverse dai conviventi, salvo che per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza”.

Spostamenti 

 È fortemente raccomandato a tutte le persone fisiche di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi.

Testo integrale del DPCM 24 ottobre (sito Governo)

 Allegati al DPCM  24 ottobre (sito Governo)

ORDINANZA N. 102 R.T.

L'ordinanza prevede che il rientro presso il proprio domicilio, abitazione, residenza in Toscana sia consentito solo per coloro che hanno sul territorio regionale il proprio medico di medicina generale o il pediatra di famiglia oppure in caso di comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità, per motivi di salute o di studio.

Ordinanza regionale n. 102 del 6 novembre 2020

Linee guida anticontagio per il commercio al dettaglio e il percorso da seguire in caso di contatto stretto

Ordinanza 100 del 30 ottobre 2020 - Approvazione linee guida con le disposizioni obbligatorie per il commercio al dettaglio. 

Allegato 1 - Linee guida con i dettagli di obblighi ed i divieti per gli utenti e per i gestori/esercenti. Sono previste misure aggiuntive per medie e grandi strutture di vendita.

DPCM del 3 novembre 2020

Testo integrale del DPCM 3 Novembre 2020 dalla Gazzetta Ufficiale 

Il nuovo DPCM 3 novembre 2020 sostituisce il precedente DPCM del 24 ottobre in materia di misure anti-Covid.È valido dal 6 novembre al 3 dicembre 2020 (posticipato di un giorno).

L'Italia viene divisa in tre differenti aree di rischio per contenere la pandemia:

AREA GIALLA, AREA ARANCIONE e AREA ROSSA.

Le nuove misure sono state assunte in seguito all’analisi dei dati epidemiologici sulla diffusione dell’epidemia. 

Le tre aree individuate con il DPCM del 3 novembre corrispondono ad altrettanti scenari di rischio e sono di conseguenza previste misure modulari.

Nell'AREA ROSSA sono ricomprese le Regioni a rischio di massima gravità, con scenario di tipo 4, a cui sono riservate le misure più restrittive; nell'AREA ARANCIONE le Regioni a rischio alto ma compatibili con lo scenario di tipo 3, per le quali sono previste misure lievemente meno restrittive; nell'AREA GIALLA sono infine assegnate le Regioni dove il rischio è considerato al momento più basso ed è quella dove le restrizioni sono meno drastiche: in queste regioni valgono le misure generali di carattere nazionale stabilite dal nuovo DPCM.  

L’inserimento o l’uscita di una Regione all’interno delle aree, con la conseguente applicazione delle misure previste per quello specifico livello di rischio, avviene con una specifica ordinanza del ministro della Salute, sentiti i presidenti delle Regioni interessate, e dipende dal coefficiente di rischio raggiunto dalla Regione, certificato dal report ufficiale settimanale dell’Istituto superiore di sanità in base a 21 indicatori e all’andamento della curva epidemica. 

Una volta assegnate le regioni ad un'area di rischio con le relative restrizioni, la permanenza delle Regioni nelle rispettive aree di rischio deve durare almeno 15 giorni per rendere efficaci le misure, prima di  esaminare nuovamente i dati ed eventualmente assegnare le Regione ad un'altra area oppure di confermare la stessa area di rischio. 

Consulta l'ordinanza 4 novembre 2020 del Ministero della Salute, con cui è stata fatta la prima assegnazione delle Regioni alle diverse aree di rischio.

La Toscana diventa zona arancione: ecco quali sono i nuovi divieti  [notiziediprato.it]

Con l'ordinanza 10 novembre 2020 il Ministero della Salute ha modificato l'assegnazione dell'area rischio di alcune Regioni: le variazioni di assegnazione area sono in vigore dall'11 novembre 2020 e riguardano le regioni:

  • Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana e Umbria: spostate da area gialla ad area arancione
  • Provincia autonoma di Bolzano: spostata da area gialla ad area rossa

Da mercoledì 11 novembre la Regione Toscana passa da zona gialla a zona arancione con ulteriori restrizioni per contrastare la pandemia. 

Sul sito del Governo disponibili le risposte alle domande più frequenti (FAQ) sul DPCM del 3 novembre, divise per colore di area (gialla, arancione, rossa).

FAQ sul sito del Governo

Ordinanza regionale n. 103 del 9 novembre 2020

Sono state rimodulate le modalità di gestione dei cittadini provenienti dall'estero e dei viaggiatori, con ordinanza regionale n. 103 del 9 novembre 2020:

  • sono state revocate le ordinanze regionali 73, 75 e 80
  • sono confermate le modalità di registrazione online attraverso il Sistema Informativo Sanitario per la Prevenzione Collettiva (SISPC) per comunicare il proprio ingresso al Dipartimento di Prevenzione della competente Azienda sanitaria dei soggetti che entrano in Italia, anche se asintomatici, per sottoporsi a sorveglianza sanitaria e quarantena, se previsto dalla vigente normativa.
  • sono confermati gli indirizzi per la gestione dei casi sospetti e confermati di Covid-19 e dei contatti stretti in strutture ricettive nel territorio della Toscana, con particolare riferimento alla possibilità di isolamento presso alberghi sanitari per i soggetti positivi nonché per eventuali contatti stretti, di cui all'allegato B della deliberazione della Giunta Regionale n. 937 del 20 luglio 2020 e successive modifiche ed integrazioni.

Ulteriori info su regole per gli ingressi in Italia dall'estero sul sito della Regione Toscana

Il modulo di autocertificazione per gli spostamenti

Con il nuovo Dpcm del 3 novembre 2020 torna il modulo di autocertificazione per gli spostamenti. Il modulo è quello emesso dal ministero dell’Interno ad ottobre (ancora non c’è un modello nuovo).

modello autodichiarazione editabile 2020

Decreto "RISTORI BIS"

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Ristori bis che prevede misure urgenti in materia di tutela della salute, sostegno a lavoratori/imprese e giustizia, connesse all'emergenza epidemiologica da Covid-19.

Rimane obbligo delle mascherine sia al chiuso che all'aperto

E’ obbligatorio sull’intero territorio nazionale di avere sempre con sé dispositivi di protezione delle vie respiratorie, con l'obbligo di indossarli nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private e in tutti i luoghi all’aperto a eccezione dei casi in cui, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi.

Sono esclusi da questo obbligo: a) i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva; b) i bambini di età inferiore ai sei anni; c) i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina, nonchè coloro che li assistono.

L’uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie è raccomandato anche all’interno delle abitazioni private in presenza di persone non conviventi. 

 

Toscana diventa zona arancione. Cosa si può fare, cosa no. - intoscana

Toscana Area rossa

ll Ministro della Salute ha firmato venerdì 13 novembre, una nuova ordinanza che istituisce due nuove aree rosse, Toscana e Campania, e tre nuove aree arancioni, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia e Marche.

Il comunicato ufficiale e l'ordinanza sul sito del Ministero della Salute.

In Toscana, da domenica 15 novembre, entreranno in vigore nuove misure restrittive.

Domande frequenti sulle misure adottate dal Governo

http://www.governo.it/it/articolo/domande-frequenti-sulle-misure-adottate-dal-governo/15638 

Proroga della validità delle patenti scadute fino al prossimo 30 aprile 2021

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con due emendamenti approvati in Commissione Affari Costituzionali del Senato, in materia di idoneità alla guida in fase di emergenza epidemiologica Covid-19, proroga le validità patenti scadute o in scadenza durante l’emergenza Coronavirus. Il nuovo termine viene pertanto rinviato da dicembre al 30 aprile 2021.


Allegati da scaricare:

Pagina aggiornata il 25/11/2020 da S M
  • Comune di Marliana (PT)
  • Via della Chiesa, 5 Marliana (PT)
  • Telefono: 0572.69851
  • Fax: 0572.66233
  • Numero di abitanti: 3.201
  • P.IVA: 00361970478

Portale Web e Content Management System realizzati da SPAD srl | Openpage CMS